sabato 15 marzo 2008

Radicchio tardivo di Treviso marinato

Classica preparazione presente nell'antipasto tradizionale all'italiana per le grandi feste famigliari della zona del Trevigiano. Il colore brillante e il sapore originale ne fanno un piatto da stupore.
Personalmente trovo che si presti bene anche ad accompagnare piatti freddi di sapore grasso, come formaggi. Il sapore, leggermente acidulo e gradevolmente amaro nel contempo, lo trasforma in un contorno originale.

Ingredienti
per 4 persone

- 4oo g di radicchio tardivo di Treviso
- 1 l di acqua
- 1 bicchiere grande di aceto rosso
- 1 bicchiere grande di vino bianco
- sale grosso e fine
- pepe
- olio E.V.O.
- qualche goccia di succo di limone
per dare un tocco particolare
- 1 spicchio d'aglio
- buccia di limone
- timo

Procedimento

Mondare il radicchio, lavarlo in abbondante acqua corrente e tagliarlo a quarti.
Portare a bollore una pentola alta riempita con l'acqua, l'aceto e il vino.
Aggiungervi il sale grosso (circa 10 g) e quando riprende il bollore tuffarvi gli spadoni, avendo cura che rimangano quanto più possibile in piedi.
Dopo due minuti estrarli con delicatezza e sgocciolarli bene.
Metterli a scolare completamente in uno scolapasta per alcuni minuti.
Una volta asciutti disporli sul piatto di portata, condirli con sale, pepe, olio e qualche goccia di limone. Coprirli con la pellicola e lasciarli riposare un giorno in frigorifero prima di servirli.

Per dare un tocco più particolare è possibile frullare l'olio con qualche zesta di buccia di limone, uno spicchio d'aglio e un po' di timo fresco e con questa emulsione condire il radicchio marinato. Il pepe alle rosecon la sua miscela pseziata, lo rende ancora più intrigante.

É possibile anche una presentazione più elegante e originale, preparando un'insalata di radicchio marinato, pere, noci, fichi secchi, prugne secche denocciolate. In questo caso può essere presentato come antipasto completo.



La ricetta in versione stampabile con le foto passo passo.


Nessun commento: