mercoledì 7 maggio 2008

Delizia di ricotta su croccantino di noci e cioccolato con nashi caramellati

Solo piccole cose/che sanno di terra,/di pane, di buono,/attraversano lievi/le pallide foglie nuove/e imbevono l'anima.


Un dolce virtuale per . Non l'ho fatto or ora, ma credo sia una delle "invenzioni" che meglio mi sono riuscite e mi pareva cosa buona postarlo come dedica a lei.
Non la conosco da molto. Ha pensieri uguali ai miei e altri diversi. Ama cose che amo anche io, ma anche altre che a me non piacciono.
Ma l'uguaglianza avvicina e le diversità arricchiscono, se si coglie di tutto il meglio. Così si diventa amici.
Concordanze e dissonanze posso diventare armonia, come in questo dolce.
Ci vuole un cuore tenero ma vigoroso. Una scorza dura, che non sia solo dolcezza, ma che si spezza difronte al buono. Un pensiero solido ma non cristallizzato. Un po' di freddezza e razionalità che si sposa con il giusto calore.



Ingredienti
per 6 persone:


per la delizia alla ricotta:
2 tuorli
1 uovo intero
150 g di zucchero
6 grammi di colla di pesce
marsala (o altro vino o liquore a piacere)
200 g di ricotta
200 g di panna fresca

per il croccantino al cioccolato e noci:
2 albumi
100 g di zucchero (io ho usato quello di canna per un sapore meno... zuccheroso)
60 g di noci sgusciate
2 cucchiai di cacao amaro in polvere.

per la decorazione:
3 nashi (tranquillamente sostituibili con delle pere... che col formaggio ci stanno sempre bene)
3 cucchiai di zucchero (io preferisco sempre quello di canna)
mezzo bicchiere circa di acqua.


Procedimento

Delizia alla ricotta:
Ammorbidire la colla di pesce in acqua fredda e quindi scioglierla nel marsala intiepidito (oppure se non volete alcool, fatto bollire un minuto e poi lasciato intiepidire). Lasciar raffreddare (per accelerare il raffreddamento è possibile immergere il contenitore in del ghiaccio)
In una bastardella, montare a bagnomaria i tuorli e l'uovo intero con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso. Continuarlo a lavorare a bagnomaria per 3 minuti circa (in questo modo raggiungere la temperatura di 65-70° che, mantenuta per il tempo indicato, pastorizzerà le uova).
Incorporare la colla di pesce alla spuma di uova, quindi aggiungervi la ricotta passata al setaccio.
Montare la panna e aggiungerla al composto, mescolando dal basso verso l'alto con delicatezza.
Rivestire 6 stampini monoporzione (diametro 10 cm) con carta forno (se usate quelli in alluminio usa e getta, l'operazione non è necessaria, perchè sarà più semplice sformare il dolce al momento del servizio "scollando" con delicatezza le pareti: si deformano gli stampini, ma non sono da riutilizzare...). Versarvi la crema di ricotta e mettere in frigo - nella zona più fredda - per almeno 3 ore.

Croccantino:
Montare gli albumi a neve ferma, aggiungervi e amalgamarvi bene lo zucchero. Quindi aggiungerci il cacao e le noci tritate grossolanamente e amalgamare anch'essi.
Stendere il composto in una teglia coperta da carta forno e mettere in forno già a temperatura di 180 ° per 25' circa (o fino a quando è asciutto ma ancora un po' morbido).
Tirare fuori dal forno e, finchè è caldo, tagliare con il coppapasta 6 dischi di 10 cm di diametro circa. Se ci riuscite (io non ce l'ho fatta ma ritenterò), tagliatene altri 6 da 6 o 8 cm; altrimenti sbriciolate grossolanamente il resto del biscotto.


Nashi caramellati:
Sbucciare i nashi e tagliateli in 8 spicchi. Porli in un tegame con l'acqua e lo zucchero e cuocerli fino a quando il sugo avrà una consistenza mielosa.

Presentazione:
Porre il disco più grande di croccantino sul piatto, quindi sformarvi sopra la delizia. Appoggiarvi sopra i dischi più piccoli o - in alternativa, come ho fatto io, un po' di briciolone.
Scaldare velocemente i nashi e metterne 4 fettine col loro sugo per ogni piatto.



La ricetta in versione stampabile

3 commenti:

fiordisale ha detto...

grzie, è un'analisi molto fedele. Mi ci riconosco in pieno e ti ringrazio per accettarmi così, per come sono, con tuuti i miei difetti, che sono tanti, ma anche con la mia cristallinità priva di qualunque ombra. Grazie Crì, sono felice di eesere inciampata in una persona così straordinaria quale sei, mi hai commosso...

FairySkull ha detto...

Ha un aspetto delizioso !!! Ciao lisa
http://ricettedafairyskull.myblog.it

Cristina ha detto...

@ Lisa, lo hanno detto anche quelli che li hanno mangiati; e il sapore era anche meglio (hi hi hi)
Ciao!