martedì 10 marzo 2009

Crema di zucca e mandorle

"Daéa semensa impiantà/ ‘na succa cressarà,/ là torno el leamaro/ o in cao aéa piantà./ [...] La succa sà de fiò soe stae,/ sora la stua a scaldare/ mentre a zente jera a sgrafojare." Valerio


Mai mangiata la zucca fino a una decina di anni fa. Nè io, nè mio marito.
Poi un giorno mi son detta: perchè no? Ed è stato un grande amore...

Mia mamma non cucinava la zucca perchè lei non ama i cibi dal fondo dolciastro. O non li amava, perchè ora il risotto con la zucca lo fa, dopo che il resto della famiglia si è sperticato in lodi del mio...
Mi sa che le ricordavano i tempi dell'asilo, tempi di guerra, visto che lei è nata tre giorni prima che scoppiasse la seconda guerra mondiale.
Le suore, preparavano ai bambini un primo caldo con quello che c'era e che costava poco: riso e latte, riso e zucca, panà (cioè il pan cotto)... Sanno di dolce, è vero, e di solito ai bambini piacciono. Ma per lei erano una tortura. Ancora racconta con la faccia disgustatissima, di come le toccava mangiarli con grande sforzo, perchè quello c'era e se no si andava a casa con la fame...
Poi sua nonna, ci faceva gli gnocchi, con o senza patate. Neppure quelli le piacevano un granchè.
Quindi la zucca era stata abolita da tutti i menu di casa mia.

Mia suocera ha mangiato la zucca la prima volta l'anno scorso. Le ho preparato il risotto, che mai lei aveva mangiato. Dato che a mie figlie piace molto, quel giorno, in montagna, l'ho messo nel menu. Con "sofferenza" si è adattata, per scoprire che non è poi tanto male. Anzi. Che non è poi così un cibo da poareti, come era una volta. Che può essere non solo gustosa ma pure raffinata.

Come è appunto questa crema di zucca.
Sembra povera, ma è molto chic, a guardarla bene.
E piace anche a chi non ama la zucca... Sarà per l'equilibrio al dolce, dato dalle mandorle. Sarà per la corposità che danno le uova. Sarà per lo sfizio delle chips di zucca...



Ingredienti
per 4 persone

500 g di polpa di zucca pulita (a crudo!) più un po' per le chips di zucca
1 cipolla bionda
2 tuorli
700 ml di brodo vegetale
50 g di farina di mandorle
mandorle a lamelle tostate
50 g di burro
olio, sale e pepe


Procedimento

Rosolare la cipolla tritata con il burro per qualche minuto a fiamma bassa.
Ridurre la polpa di zucca a tocchetti e unirli alla cipolla e far stufare aggiungendo man mano il brodo caldo. Cuocere per circa una mezz'ora.
Frullare con il mixer fino a ottenere una crema fluida. Rimettere sul fuoco, aggiungere la farina di mandorle e, quando raggiunge l'ebollizione, spegnere e aggiungere i tuorli, mescolando rapidamente.
Servire con le mandorle a lamelle, due chips di zucca , un filino d'olio e, volendo, crostini di pane e grana.


Qui trovate la versione stampabile.

6 commenti:

Mirtilla ha detto...

che delizia questa crema,mi segno subito la ricettina ;)

miciapallina ha detto...

Be!
Che dire... mi fa venire fame solo a leggere come si prepara!
e brava la naturalista!!!
nasinasiaranciati

Cristina B. ha detto...

@ Mirtila, fai bene perchè è proprio buona...

@ Miciapllina, benvenuta nel mio piccolo blog; grazie dei complimenti.

Lo ha detto...

ciao tesoro come avrai intuito sono senza tempo...e non so nemmeno perché...corro corro...e ora mi fermo qui.....la zucca nemmeno io la mangio da tanto...solo da quando so spezzare il dolce con qualche alchimia nei sapori....un bacione

Elle ha detto...

ciao :-) Arrivo qui dal blog di Lo, ho curiosato un po' nel tuo e mi piace tantissimo, per cui da oggi sarò una tua lettrice :-)
Molto bella questa crema, adoro la zucca e poi la presentazione è davvero invitante!

Cristina B. ha detto...

@ Lo, potessi correre con te...ci faremo quattro ciacole in corsa :-P; per la zucca pian paino riuscirai a entrare nella sua filosofia di "un pizzico di dolce anche nel salato non guasta"... è successo pure a me! :-*

@ Elle, benvenuta e mettiti comoda. Come vedi qui c'è molto posto ;-) e comfort(food) per tutti i gusti.