giovedì 11 marzo 2010

Schiacciatine di patate e verdure

"Cipolla, anfora luminosa,/ petalo e petalo/ si formò la tua bellezza,/ squame di cristallo ti accrebbero/ e nel segreto della terra oscura/ si arrotondò il tuo ventre di rugiada." La cipolla di Pablo Neruda




Ahem... So che mi dovrei nascondere da quanto non scrivo. Ma ce n'è sempre una al giorno, poi sto a pensare al sacco di cose che sto facendo in questo periodo e ognuna ha bisogno del suo tempo e della sua attenzione...
Portate pazienza... io sono così, non incostante, ma con priorità vagabonde e intercambiabili.

E poi a dire il vero ho la cucina a scartamento ridotto in questo periodo.
Le transaminasi maritali denunciano che le sue microcolelitiasi non sono poi così innocue e insignificanti. Per cui la dieta si è ristretta e ritirata e la cucina si è un po', vabbè non impoverita, ma sicuramente semplificata, fino al giorno in cui, deciderà, e speriamo per tutti sia tra breve, di fare zac e liberarsi dei malefici granelli.

In ogni caso, domani ho ospiti a cena e pur tenendomi leggera e di magro, che da entrambe le parti - ospiti e ospitante - viene rispettata l'indicazione, cercherò di fare qualcosa di carino e buono anche... Spero...

Per farmi perdonare intanto, vi "regalo" questa ricettucola di quelle dell'ultimo momento, ma risolvi cena, o aperitivo o snack. Fate vobis. L'importante è che sono buone, facili e veloci.
Sono delle semplici focaccine sottili, ma grazie alle patate dall'interno morbido, che possono risolvere un'improvvisa voglia di qualcosa che ricordi una pizza e sia leggero. Qui sono in versione con patate e pomodorini e patate e cipolla, ma possono essere pensate altre combinazioni.


Ingredienti

per 2 teglie circa 20x30 (il formato di un foglio A4)
4 patate medie
qualche pomodorino
una cipolla rossa
450 ml acqua
250 g farina 00
50 ml di olio
2 cucchiaini di sale circa
mezzo cucchiaino di lievito istantaneo per pizze e focacce
origano q.b.



Preparazione

Tagliare a rondelle sottili le patate e distribuirle nelle teglie rivestite di carta forno.
Tagliare a fette i pomodorini e ad anelli sottili la cipolla e distribuirli sopra le patate.
Condire la verdura con un pizzico di sale e un po' di origano.

Mescolare insieme (si può usare anche il frullatore) l'acqua, l'olio, il sale, quindi aggiungervi la farina setacciata con il lievito e mescolare per ottenere la consistenza di una pastella semiliquida.
Versare la pastella sopra la verdura

e infornare a 200° per 35 minuti o finchè saranno cotte.

Consiglio di non fare teglie più grandi, perché si rischierebbe di avere il centro crudo e il bordo troppo cotto, anche prolungando la cottura.
Se si vuole un aspetto più dorato, passare sotto il grill qualche minuto.


La ricetta in versione stampabile.

5 commenti:

LaGolosastra ha detto...

interessante spunto salvacena!
Ahi come lo capisco tuo marito...
dieta e dieta e dieta, cheppaaaalle!

Giò ha detto...

ma che ricetta interessante, son davvero curiosa di provarla, segno e archivio!!

Lo ha detto...

wowo...ho giusto una serata pizza e affini in programma e queste mi possono essere utili! baciozzolo

Saretta ha detto...

Semplicemente ottime queste teglie!Caspiterina, mica è splo mortificante la cucina delle ristrettezze!
bacione

Cristina B. ha detto...

@ Omonima, già che @@@! il problema è che come tutti gli uomini per me la storia di Eva è stata manipolata) cade facilmente in tentazioni di gola e bisogna tenerlo a bada... uff!

@ ciao Giò, poi mi sai dire eh?

@ Lo, pure da te voglio il resoconto ;-)

@ Saretta, ognuno fa quel che si può per non intristirsi davanti al piatto :-P