sabato 26 marzo 2011

Tredici anni sono nulla e sono tutto

"Ed io pensavo : Di tante parvenze/ che s’ammirano al mondo, io ben so a quali/ posso la mia bambina assomigliare./ Certo alla schiuma, alla marina schiuma/ che sull’onde biancheggia, a quella scia/ ch’esce azzurra dai tetti e il vento sperde;/ anche alle nubi, insensibili nubi/ che si fanno e disfanno in chiaro cielo;/ e ad altre cose leggere e vaganti." U. Saba - Ritratto della mia bambina


foto dal web

Non è stato oggi, ma due mesi fa, ma vi ho detto che sono in ritardo con post e ricette (io che nella vita, negli appuntamenti, tendo ad essere in anticipo!)

In ogni caso era un fagottino di neppure tre chili ed ora è alta come me. Viene ancora in braccio ogni tanto a coccolarsi, anche se non sta più in un grumetto...
Sono un po' presa tra la nostalgia e l'orgoglio di una donna in fieri, intelligente, brillante, seria, buona e, perché no, graziosa.

Non ha chiesto grandi regali (libri o qualcosa da vestire) nè feste. Solo un po' di dolci da portare a scuola la mattina e qualcosa di salato per i karateka la sera. Non è così difficile accontentarla...

Per i compagni abbiamo replicato i brownies e fatto i baci di dama, con una nuova vecchia ricetta.


La ricetta dei brownies è quella dell'altra volta, ho solo avuto cura di spezzettare le noci a mano e così son rimaste più grossolane, ma sicuramente più piacevoli.
Per i baci invece ho recuperato la ricetta a casa di mia mamma, quella che facevo anni annorum fa e che dà risultati pressoché perfetti, senza spiccicarsi o crescere troppo come mi è capitto con quella provata l'anno scorso: indubbiamente buona, ma esteticamente non molto.
Vi metterò presto la ricetta.

Per il salato siamo andati di biscotti ai pomodori secchi e olive,

di cui metterò anche qui prossimamente la ricetta, anche se è ancora da perfezionare; poi ci sono stati i cornetti di finta sfoglia con semini di sesamo e classicissime pizzette



La ricetta dell'impasto dei primi la trovate in giro per iùl web, ma quella che ho usato io è quella di Adriano, mentre le pizzette son quelle delle Simili.

Per ora accontentatevi così, poi le ricette che ho promesso (e manterrò, non temete).

Nessun commento: