sabato 26 novembre 2011

Halloween 3: dolcissimi ragnetti

"Sotto le scale io spappolo i cervelli,/ dita come serpi e ragni fra i capelli!/ Questo è Halloween!/ Questo è Halloween!/ Halloween! Halloween! Halloween! Halloween!" da This is Halloween Nightmare before Christmas


Non picchiatemi, vi prego. Sapete che sono una lumaca cronica, che ci metto una vita e mezza tra una ricetta e l'altra... ma sono rimasta entro novembre, sono stata brava =P
Questi ragnetti sono così carini che non potevo lasciarli lì nel sottoscala...

L'idea è nata sfogliando una rivista di cucina dove c'erano dei dolcetti a forma di ragnetto fatti coi biscotti confezionati. Era un po' triste questa cosa, ma l'idea dei ragnetti mi attirava. Quindi ho pensato di utilizzare come base l'impasto del salame di cioccolato  utilizzando però i biscotti più sbriciolati, per avere un impasto più uniforme e più sodo. 
Le codette di cioccolato si prestavano benissimo per attaccarsi a questo impasto a simulare il corpo ispido e pelosetto. Le zampette... be' la liquirizia è perfetta, soprattutto le rotelle, che si srotolano e fanno tanti bei cordoncini. Perline di zucchero rendono l'idea degli occhietti un po' lattiginosi anche se non proprio così inquietanti...
Insomma sono venuti fuori tanti ragnetti buffi e buoni. Perfetti per Halloween.

La decorazione è stata affidata alla creativa per eccellenza di famiglia (vuol vivere di arte e musica...) e devo dire che è stata all'altezza del suo ruolo.


Ingredienti
2 uova
200 g di burro
150 g di zucchero a velo
100 g di cacao in polvere
400 g di biscotti secchi

codette di cioccolato
perline decorative
rotelle di liquirizia

Procedimento



Tritare nel mixer i biscotti, fino a ottenere un briciolame abbastanza fine, quasi una farina.
Lavorare a crema il burro con lo zucchero. Aggiungere lavorando le due uova, quindi il cacao fino ad ottenre una crema scura.
Incorporare un po' alla volta il briciolame di biscotti. fino ad avere un impasto molto denso (una cosa tipo malta...).
Raffreddarsi le mani sotto l'acqua fredda, altrimenti vi si quaglieranno in mano mentre li formate. Prelevare un po' di impasto con un cucchiaino da tè e formare con questo delle palline della dimensione di una noce.
Rotolarle nelle codette di cioccolato, quindi mettere due perline decorative per fare gli occhi.
Srotolare le rotelle di liquirizia, tagliare i nastri a toccheti di circa 2 cm di lunghezza e dividerlinei due cordoncini. Inserirli nella pallina di impasto per fare le zampette 
Chi mi dice che i ragni ne avrebbero otto (mica sono una naturalista bislacca!), lo sfido a infilarne in quelle palline più di sei senza rendere goffo il risultato


Vuoi una stampa o un pdf? Clicca sul tastino

lunedì 14 novembre 2011

Halloween 2: dolcetti... coi vermetti

"Questo è Halloween!/ Spaventoso Halloween!/ Dacci un dolce o il terrore ti attanaglierà!/ Urla anche tu! Fuggi via da qui!/ E' il paese di Halloween!" da This is Halloween Nightmare before Christmas


Lo so che siamo a metà novembre e io sono ancora qui con la fine di ottobre.
Ma voi sapete che io son lenta, ci metto tanto e ho pure una marea di impegni che sbucan fuori come... vermetti. 
E sapete anche che vi aspetta una terza puntata di Halloween. No no, non è uno scherzetto è così!
Ma poi, giuro, starò buonina, obbediente, ordinata (seeee!)
Tornando a noi, anzi alla ricetta...
Sembran di terra e hanno i vermetti, ma son solo dolcetti-scherzetti! In realtà sono delle tortine buone e leggere (leggere - precisiamo - non vuol dire dietetiche altrimenti sarebbero dolci che nessun bambino mangerebbe!), adattissime per la merenda in qualsiasi occasione. Veloci e facili da fare. 
I vermetti sono per Halloween, ma si possono utlizzare in mille altre occasioni, senza vermetti.


Ingredienti
per circa 14 dolcetti

190 g di farina autolievitante (oppure farina 00 e mezza bustina di lievito per dolci)
120 g di zucchero
110 g di olio di semi di arachide
110 g di acqua
40 g di cacao amaro
3 uova
1 pizzico di sale

ad Halloween: caramelle gelatinose a forma di vermetto

   
Vanno lavorati come i muffin classici, prima i liquidi poi i solidi, senza lavorare troppo
Mescolare, dunque, l'olio con l'acqua, quindi aggiungervi le uova una alla volta sempre mescolando, un pizzico di sale e infine lo zucchero. Setacciare insieme la farina e il cacao e unirli ai liquidi .
Versare il composto negli stampini per muffin unti e infarinati, ma meglio se rivestiti coi pirottini.
Cuocere in forno già portato a 170° per 20 minuti circa.

Versione di Halloween coi vermetti
Una volta raffreddati, tagliare a metà i vermetti di gelatina e inserirli nei dolcetti.
Pronti per "dolcetto o scherzetto"!


Stampa o pdf...

mercoledì 2 novembre 2011

Halloween 1: dita di strega

"Quanti orrori attorno a te!/ Senza ribrezzo che vita è?/ Tutti qui/ Viviamo così/ Nel paese di Halloween" da This is Halloween Nightmare before Christmas


  • Avviso n°1. 
So che Halloween è passato, ma io i dolci li ho preparati il 31 ottobre, mica posso pubblicarli prima...

  • Avviso n° 2
Questa sarà una breve serie in tre parti, tanti sono i tipi di dolcetti che abbiamo preparato

  • Avviso n°3
Non sono una fan di Halloween, soprattutto del suo aspetto commerciale. Ma se la si lascia quello che è sempre stata nella sua origine, una festa per bambini, per demonizzare i "cattivi" dell'immaginazione, e se può diventare un momento per divertirsi (sottolineo divertirsi) semplicmente insieme, allora ci sto.

I dolcetti li abbiamo preparati noi tre puzzole - madre e cucciole (oddio una cucciola ormai mi supera di un tot in altezza... ma facciamo finta di nulla) - divertendosi e ridendo per due ore e mezza insieme. E questo è stato il bello della faccenda.

L'altro aspetto divertente è  che mentre poi i bambini del nostro condominio (noto anche come kibbutz: facciamo un sacco di cose insieme e c'è sempre qualcosa di qualcuno a casa di qualcun altro) sgranocchiavamo con nonchalance le dita, gli adulti le guardavano sospettosi e tendenzialmente inorriditi. E per fortuna non ci ho fatto decorazioni sanguinolente! I più coraggiosi, che le hanno addentate, hanno comunque apprezzato

In rete si trovano un sacco di ricette di queste dita. Fondamentalmente si possono fare con qualsiasi impasto di biscotto che regga un po' di manipolazione. L'aspetto halloweenesco è dato dalla forma non dalla sostanza...




Dita di strega (o forse di zombie)

Ingredienti  
300 g di farina autolievitante
130 g di zucchero
65 g di burro
1 uovo
latte q.b.
sale
mandorle sbucciate

facoltativo
marmellata di fragole o lamponi
colorante alimentare rosso



Procedimento
Unire alla farina il burro a temperatura ambiente, lo zucchero e l'uovo. Impastare, aggiungendo se necessario, qualche cucchiaio di latte.

Dividere l'impasto in pezzi della grandezza circa di una noce e formare dei rotolini di 1 cm scarso di diametro (aumentano in cottura) e della lunghezza di un dito. Stringerlo un po' a livello delle articolazioni e segnarle con qualche riga fatta con uno stuzzicadente (le nostre sono un po' sparite cuocendo... pazienza). Mettere sulla punta una mandorla per simulare l'unghia, inserendola bene nell'impasto.

Cuocere in forno a 180° per 15 minuti circa. Non fare scurire.Non rimuoverli dalla placca finchè non sono freddi.

Per un effetto più macabro, una volta raffreddati, è possibile intingere la parte "mozzata" in un po' di marmellata di fragole o lamponi e colorare l'unghia con colorante alimentare rosso.

Con lo stesso impasto è possibile modellare delle ossa.



Per stamparla o per farne un pdf...