lunedì 6 febbraio 2012

Le frittelle ripiene di crema chantilly

"C'è la mamma in cucina/ Che prepara la pastella/ Latte uova farina/ Mentre canta la padella.../ L'olio sfrigola, fuma/ L'aria intorno si profuma/ Scende ben lievitata/ Una prima cucchiaiata.../ Già si gonfia s'indora/ Come un piccolo gioiello/ Cosa c'è di più semplice/ O di allegro così bello?
Le frittelle le frittelle/ Sono buone sono belle/ Rotondette profumate/ E dorate come il sol..." D. e S. Tuminelli - Le frittelle



Ingredienti 
125 ml di acqua
125 ml di latte
50 g di burro
20 g di zucchero
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
sale
150 g di farina 00
3 uova grandi

200 g di crema pasticcera (fatta con la vostra ricetta)
200 ml di panna fresca montata
zucchero a velo

olio per friggere (io uso arachidi)



Procedimento

Mescolare la crema pasticcera fatta ben soda con la panna montata, per ottenere una crema chantilly; mettere in frigorifero coperta da pellicola in modo che non veli.

In una pentola dal fondo spesso, mettere sul fuoco l'acqua e il latte con il burro, lo zucchero e un pizzico di sale; quando giunge a bollore aggiungervi l'estratto di vaniglia e la farina, precedentemente setacciata, tutta in una volta. Mescolare l'impasto con vigore sul fuoco al minimo, fino a che la farina si amalgama bene. Non intimorirsi se all'inizio l'impasto sembra indomabile e grumoso, alla fine si avrà una palla liscia e uniforme e che si stacca dalla pentola
Togliere dal fuoco e far intiepidire.
Trasferire l'impasto in una ciotola (o in quella del food processor, se preferite) e, lavorandolo con la fusta a gancio, aggiungervi un uovo alla volta aspettando che sia ben amalgamato prima di aggiungere il successivo. Alla fine si ottiene un impasto morbido e omogeneo, simile a quello di un pane molto idratato.


Mettere sul fuoco una pentola. Ho detto pentola, non una padella! L'ideale è una pentola da 20 cm di diametro alta almeno 5 cm. Riempirla d'olio per un altezza di almeno tre dita.
Una volta portato l'olio a temperatura (circa 140°-150° - se non avete il termometro immergetevi il manico di un mestolo di legno e quando fa le bollicine intorno è al punto giusto), prelevare con un cucchiaino delle quantità di impasto pari a una piccola noce. Se riesce, modellarlo sommariamente come delle quenelle (questo eviterà code e punte bruciacchiate) e friggerne poco per volta.








Tenere il fuoco basso: è importante perché le frittelle aumentino bene di volume. Deve essere all'intensità minima affinchè l'olio sfrigoli leggermente intorno alla frittella, ma non la faccia brunire troppo velocemente. Per qualche minuto, l'impasto sembrerà inerte, ma poi comincerà a gonfiarsi fino a quintuplicare di volume. Per questo regolarsi nel non mettere troppe frittelle tutte in una volta (al massimo sei o sette) altrimenti si scontreranno e oltretutto la temperatura dell'olio scenderà troppo.

Quando sono cotte (saranno uniformemente dorate) sgocciolare le frittelle con il ragno e metterle ad asciugare su carta assorbente. Una volta fritte tutte (ne verranno 30 o 40, dipende dalle dimensioni) mettere la crema chantilly su una sac à poche o una siringa da pasticceria e con l'apposito beccuccio (a siringa) farcire le frittelle. Cospargerle di zucchero a velo e servirle.
Se conservate al fresco (non in frigo, però), sono ottime anche il giorno successivo.  

Chiaramente la crema chantilly può essere sostituita da zabaione, crema pasticcera semplice o al cioccolato, o quello che suggerisce la fantasia.

p.s. mica da poco: assorbono pochissimo olio

n.d.r. le foto le ha scattate mia figlia minore (10 anni e mezzo...)

Per stampare la ricetta, clicca sul tasto apposito

6 commenti:

bruna ha detto...

sono buone, sono belle...e sono quelle che piacciono a me!! :O)

Cristina B. ha detto...

E le fai? Che se le fai mi dici come vengono...

Lo ha detto...

wow...queste non degasano...queste gasano :)

Cristina B. ha detto...

hai ragione Lo, gasano molto... cerebralmente soprattutto

Mila ha detto...

Le ho fatte seguendo la tua ricetta... COMPLIMENTI!!!!!!!!! Le posterò ovvimente citando la fonte, sono davvero morbide, vuote e non unte!!!!!

Cristina B. ha detto...

@ Mila, sono davvero contenta che ti siano riuscite bene :-)