sabato 30 gennaio 2010

Brownies al cacao e noci

"un’aroma dolce -amaro …/ un colore molto fasciante/ un racconto di un amore ancora non detto ma pensato./ Solo questo quadrato perfetto e intagliato potrà con il suo sapore,/ la sua morbidezza/ musicare le parole mai dette." Poesia del concorso Eurochocolate 2009

Due dolci: torta rustica di nocciole e brownies.

Ho tagliato tutto in riquadri di 3x3 (forse un po' di più), messi in pirottini e disposti alternati in un vassoio... L'effetto scacchiera era gradevole.


-->
Ingredienti

100 g cacao amaro
50 g di cacao dolce
120 g burro morbido
300 g zucchero
3 uova
150 g farina 00
150 g noci tritate grossolanamente a coltello
1 bacca di vaniglia
sale q.b.


Procedimento

Lavorare il burro con lo zucchero e un pizzico di sale.
Aggiungere le uova, la farina setacciata con i due tipi di cacao e i semini della bacca di vaniglia. Aggiungere anche le noci.
Otterete un composto molto consistente.
Rivestire di carta forno bagnata e strizzata una teglia rettangolare (la mia è 30x24) . Versare il composto e livellarlo con il dorso di un cucchiaio inumidito.
Cuocere per circa 35 minuti in forno già portato a 150°.
Sfornare e lasciare intiepidire nella teglia, Quindi sformare e ritagliare in quadrati di circa 3-4 cm di lato.

giovedì 21 gennaio 2010

Chiacchiere, crostoli, galani (che dir si voglia)

"C'è la mamma in cucina/ che prepara la pastella:/ latte, uova, farina,/ mentre canta la padella.../ L'olio sfrigola, fuma./ L'aria intorno si profuma./ Scende ben lievitata/ una prima cucchiaiata.../ Già si gonfia s'indora/ come un piccolo gioiello./ Cosa c'è di più semplice/ o di allegro così bello?" S. Tuminelli, Le frittelle.







Ingredienti
200 g di farina bianca 00
20 g di burro
1 uovo
vino bianco q.b.
olio per friggere
zucchero a velo











Procedimento
Lasciare il burro a temperatura ambiente affinchè si ammorbidisca.
Impastarlo con la farina, l'uovo e circa un terzo di bicchiere di vino bianco (la quantità dipende dall'umidità della farina e dalla grandezza dell'uovo), fino ad ottenere una palla liscia e omogenea.
Avvolgerla nella peliccola e lasciarla riposare in frigo circa un'ora.
Stenderla con il matterello o con la macchina per la pasta in sfoglia sottile e ritagliarvi strisce larghe tre dita e lunghe poco più del doppio.
Mettere a scaldare una piccola padella abbastanza alta piena di olio e quando sarà a temperatura friggervi le chiacchiere poco alla volta.
Toglierle appena indorano, metterle a sgocciolare e quindi cospargerle di zucchero a velo e servire.

Print